eSquare
 
Precedente Pagina 1 di 10
Successiva
PARTITA IVA 01340150356   Sviluppato da CABER Informatica srl
Melzi Giorgio
www.giorgiomelzi.com
Giorgio Melzi maestro d'Arte in Milano
Una volta il mio linguaggio pittorico era figurativo.
Gli studi, l'insegnamento impostato dal mio maestro, Gino Moro, uomo e pittore di grandi meriti artistici e morali, mi guidavano all'espressione figurativa. Eppure, anche allora, la mia figurazione era apparente e non sostanziale. Era verosimile ma non vera. Era, come è sempre stata la pittura, solo e soltanto un pretesto di fare pittura. Certo, non è una novità. Io dipingevo figurativo ma dialogavo solo con il concetto di pittura. Fosse albero, fiore, città o paesaggio, quanto realmente a me interessava era solo ed esclusivamente il fatto pittorico. Non c'è, almeno nel mio concetto, una troppo elevata componente razionale, la razionalità, se eccessiva, limiterebbe la spontaneità del linguaggio e ridurrebbe ad esempio, a calcolo, a programmazione, ciò che deve essere espressione naturale.

Dipingevo una rosa: ma era solo una metafora.
La stessa rosa poteva essere sopravvivenza o suicidio, vittoria o sconfitta; incantesimo o ricordo. La città che dipingevo io, non era una città: era il labirinto delle convenzioni, l'edificio delle strutture sociali, il baluardo delle formule di convivenza: insomma, la prigione della libertà. Ho cercato, nei miei sentimenti e nei miei quadri, il lato umano e fondamentale, la realtà basilare, la verità semplice dell'esistenza; e tutto ciò che è nel percorso, alla fine vale poco. Allora è la semplicità quella che conta: la natura e la naturalezza. E per me tutto questo si chiama sentimento.

Ecco quello che ho sempre dipinto.
Io dipingo il sentimento nascosto e il sentimento che esplode. Accartoccio come si fa con le vecchie cose, e poi distendo, nuovamente, per rileggere, per riportare alla luce. Ecco perché sui miei "cartocci" campeggiano segni neri, quasi tracciati da una spada oppure superfici luminose, un sole o una luna, o un orizzonte aperto. Il sentimento si è accartocciato nel segno del tempo; un segno composto da rughe, da ferite, da invecchiamento; e da tagli profondi, traccia incisa o violenta che penetra nella materia e nell'animo. Ma quando il sentimento ritorna alla luce e la matassa del cartoccio si apre a nuova vita, ecco nuovi orizzonti, di sole, di spazio, di incandescenza. C'è anche un sentimento di interpretazione del tempo e della contemporaneità. Ma c'è soprattutto il sentimento che ognuno degli osservatori vorrà riscontrare e riconoscere. Un suggerimento, un dialogo, un motivo di incontro.

E quando qualcuno scopre un motivo, un sentimento o un'idea differente da quanto sentivo io, ne sono particolarmente felice, perché insieme abbiamo creato uno spazio nuovo: da leggere e da costruire
Opere di Giorgio Melzi
Chiudi